San Vittore - Facen

 

Descrizione del percorso

Si parte dal monumentale Santuario dei Santi Martiri Vittore e Corona, scendendo lungo la gradinata e imboccando l’antica mulattiera, chiamata Sentiero dei Capitelli, che in ripida discesa giunge ad Anzù; qui, nei pressi della chiesa, si svolta a sinistra per una strada sterrata che attraversa la campagna, giungendo in località Vigne Basse e continuando per l’omonima via fino a un distributore di gas, in prossimità della statale feltrina. Subito dopo il distributore, si piega a destra per una stradina che sale verso la Colonia Alpina, raggiungendo il quartiere di San Paolo, a Feltre, con la sua chiesa. Proseguendo per via S. Paolo, si entra in città e si attraversa la statale, imboccando viale Cavour, al termine del quale, svoltando a destra per via Cornelio Castaldi, si raggiunge il Duomo di Feltre. Dal complesso del Duomo, nei cui pressi si trovano l’Oratorio dell’Annunziata e l’area archeologica, parte l’itinerario suggerito per la visita al centro storico di Feltre. Salendo lungo la scalinata del Battistero, chiamata salita Da Cesana, si raggiungono le Mura della città.
Proprio di fronte a noi vediamo Porta Pusterla, una delle tre porte d’accesso alla Cittadella, che imbocchiamo per salire in Piazza Maggiore, percorrendo la Salita dal Pozzo o Scalette Vecchie. Giungiamo così in Piazzetta delle Biade, dove alla nostra sinistra si affaccia il cinquecentesco Palazzo della Ragione, con la sua magnifica loggia palladiana; di fronte a noi possiamo ammirare Piazza Maggiore; sullo sfondo la Chiesa dei Santi Rocco e Sebastiano con il complesso monumentale delle Fontane Lombardesche e il Castello d’Alboino. Ci portiamo ora sulla Piazza dove si trovano il Leone Veneto e le statue di Vittorino da Fel-tre (educatore feltrino) e Panfilo Castaldi (medico e poeta). Da qui prendiamo via del Paradiso (alla nostra sinistra guardando le fontane) lungo la quale possiamo ammirare Palazzo Tomitano, con il Monte di Pietà, il Museo Rizzarda, Palazzo De’ Mezzan, il Vescovado Vecchio (oggi sede del Museo diocesano di Arte sacra), la chiesa di San Giovanni Nepomuceno; siamo a questo punto ridiscesi, ma prima di uscire dalla città vecchia percorriamo per un breve tratto, in salita, via Mezzaterra, per vedere Palazzo Crico-Tauro, uno degli edifici più interessanti della Cittadella per la facciata riccamente affrescata dal pittore feltrino Lorenzo Luzzo; troviamo poi la chiesa di San Giacomo e il Palazzo Bellati- Villabruna, dal caratteristico prospetto “a prua di nave”.
Usciti dalla Cittadella da Porta Imperiale si attraversano il borgo di Tezze e il quartiere di Farra, verso Stella Maris.
Ci si dirige quindi a destra per via XXXI Ottobre e, superato il ponte delle Tezze, si prosegue per un breve tratto di viale Mazzini, fino alla chiesa di S. Maria degli Angeli, ricca di opere di pittura veneta del Cinquecento e Seicento. Poco prima della chiesa, si imbocca via Cesare Battisti, per circa 200 metri, quindi tenendosi sulla destra, si percorre viale XIV Agosto, fino a giungere a una rotatoria, dove si devia subito a destra per via Mario Luciani; lungo questa via, dopo circa 100 metri, in prossimità di una curva a gomito, si deve fare attenzione per imboccare una piccola strada che devia sulla sinistra.
Alla fine della via, circa 200 metri, svoltiamo a sinistra per proseguire sulla prima via che incontriamo alla nostra destra (via Ita), percorsa la quale giriamo a destra per prendere la prima via a sinistra che ci porta ad incrociare via Stella Maris. Si sale quindi, oltrepassando la Colonia Stella Maris, sulla destra, e proseguendo diritti in direzione del colle di Tast; qui si lascia la strada asfaltata, deviando a destra per una carrareccia che attraversa la campagna fino a giungere all’abitato di Teven.
Da qui ci si dirige verso il Santuario della Beata Vergine di Caravaggio, ben visibile dalla strada, salendo a Travagola; arrivati nella piazzetta del paese, ci dirigiamo a destra e, subito dopo, imbocchiamo la prima via sulla sinistra, che porta in località Col, da dove, con una ripida salita, si giunge a Facen, punto d’arrivo della tappa.

altimetria

 


• Il Santuario dei santi Vittore e Corona, con San Martino patroni della diocesi di Belluno- Feltre, sorge elevato, in posizione panoramica su Feltre e il Feltrino. All’interno del santuario è l’arca con i resti dei martiri. Iniziato per voto da Giovanni da Vidor al ritorno dalla sua prima crociata, fu consacrato nel 1101. Forti le influenze di gusto bizantino, notevoli gli affreschi eseguiti tra il XII e il XIV secolo. È fra i monumenti più importanti della provincia di Belluno.

• Feltre, città di origine retico-etrusca, poi rilevante centro romano. Visitato il duomo e l’area archeologica sotto il sagrato, attraverso porta Pustèrla si sale all’elevato centro storico, sede di edifici pubblici, chiese e musei, ricco di palazzi e monumenti rinascimentali.

• Tra i villaggi rurali di Feltre, Travàgola con il suo santuario merita una sosta prima di puntare verso Facén e la Villa San Francesco, fulcro di innumerevoli iniziative di impegno sociale.


In sintesi
Il percorso può essere suddiviso in questi tratti:

1. da S.Vittore a Feltre, con iniziale sentiero in discesa, percorrendo in senso inverso la via che i feltrini abitualmente compiono per il tradizionale pellegrinaggio verso il Santuario

2. la visita al centro storico di Feltre (non considerata nella tabella altimetrica e nei tempi del percorso), che può essere eseguita in piena libertà, anche se qui viene suggerito un itinerario

3. da Feltre a Facen, con parte iniziale fra le vie cittadine, quindi su strade secondarie e carrarecce di campagna, con salita finale verso Facen

 

Partenza Santuario Ss.Vittore e Corona (341 m) • Arrivo Facen (436 m) • Tempo di percorrenza Circa 4 ore a piedi (escluse le soste e la visita a S.Vittore e a Feltre) • Dislivello Circa 300 m, con brevetratto iniziale in discesa e parte finale in salita • Segnaletica Bande in colore giallo-rossoDifficoltà Tappa breve, senza significativi dislivelli • Periodo consigliato Marzo-novembre, ma percorribile tutto l’anno • Soste consigliate Centro storico di Feltre • Cartografia Tabacco Tabacco 1:75.000 “La provincia di Belluno con il Cammino delle Dolomiti” | Tabacco 1:25.000 Foglio 023 “Alpi Feltrine-Le Vette- Cimònega” | Tabacco 1:25.000 Foglio 051 “Monte Grappa-Bassano-Feltre” | LagirAlpina 1:25.000 Foglio 4 “Prealpi Bellunesi e Trevigiane” • Note logistiche Orari Ss.Messe festive al santuario Ss.Vittore e Corona, tel. 0439 2115: ore 9 e 17 da maggio a settembre; ore 9 da ottobre ad aprile | Comunità Villa S.Francesco, Facen, tel. 0439 300180 e 0439 304524 | Per ospitalità e altre info turistiche Ufficio IAT Feltre, Piazza Trento e Trieste 9, cap 32032, tel. 0439 2540, fax 0439 2839 feltre@infodolomiti.it.

 

home page

San Vittore - Facen Trichiana - San Vittore Facen - Cima Loreto Cima Loreto - Croce d'Aune Croce d'Aune - Arson